Pagine

martedì 10 agosto 2010

Il potere del cane

Ho letto poco fa' su Rai News 24 che in Messico trecento poliziotti hanno assaltato e destituito il proprio comando.

Mi è sembrata una pagina tratta di peso da "Il potere del cane", romanzo di Don Winslow, che ho letto l'anno scorso. Situazioni similari sono evocate in "L'anatra messicana" di James Crumley, in alcune opere di James Ellroy, il mio autore prediletto, nel film "L'infernale Quinlan" con e di Orson Welles ed in una precedente pellicola con un ancor giovane Robert Mitchum, di cui ho dimenticato il titolo.

Ho citato autori ed opere che ritengo di grande spessore e che hanno saputo anticipare una tragica situazione. Altri si sono cimentati con minore resa letteraria nel descrivere le vere fiamme del Messico contemporaneo: povertà, droga, scontri sanguinosi tra bande, polizia corrotta, emigrazione clandestina verso gli Stati Uniti costellata da migliaia di vittime innocenti, stupri, terrorismo, connivenze con le forze dell'ordine e "servizi" nord-americani, ombre pesanti dei "narcos" colombiani e di varie mafie.

Ci sono anche pericolosi paragoni da fare con l'Italia.

La letteratura è grande: sa anticipare la realtà e, nel contempo fare palpitare le menti ed i cuori degli uomini.

Non può, tuttavia, che scarsamente incidere sulla realtà!

3 commenti:

cristina ha detto...

L'arte , sia letteraria, che musicale o altro, anticipa sempre i tempi. Gli artisti hanno il grande dono di camminare sempre più avanti degli altri.
Riguardo al Messico, purtroppo il mondo si somiglia un pò tutt. àroblemi di ogni genere, dolore, povertò ecc ecc, sono malattie che colpiscono tanti paesi in cui , la forza di pochi potenti, sovrasta la gente più debole. La possibilità di avere un mondo migliore , mi sembra sempre più un'utopia, ma spero di sbagliarmi...

Un caro saluto
Cri

Adriano Maini ha detto...

Ci ho pensato un po', ma non ho trovato nulla da aggiungere alle tue belle parole!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

E' vero la puù anticipoare. E proprio per questo sta a chi la viva a provare a caòbiare gli evengti per evitare che certe "premonizioni letterarie" si realizzino. Però purtroppo succede davvero molto di rado