Pagine

giovedì 10 marzo 2011

Bordighera: sciolto per infiltrazioni mafiose il Consiglio Comunale

Da semplice cittadino so che devo su questo blog sottolineare l'approdo momentaneo, di cui al titolo, di una triste vicenda iniziata mesi or sono e che riguarda il comune dove abito, ma penso che, a fronte del fatto che entro domani, sempre che molti non vadano ad ignorare l'evento come hanno fatto questa sera alcuni telegiornali, i mezzi di comunicazione di livello nazionale avranno ampiamente informato sulla materia, sia anche un contributo mettere in evidenza come viene riportata e commentata la storia in ambito locale. Il che mi accingo a fare qui di seguito. Mi riservo qualche scarna aggiunta finale.

Mafia a Bordighera
Sciolto consiglio comunale
Maroni vota lo scioglimento dell'assemblea. Un dossier dei carabinieri denuncia collegamenti tra politici e malavita ... segue ...
 
criminalità in liguria
Mafia, Bordighera sotto choc
Video - Su proposta del ministro Maroni, il Consiglio dei ministri ha deciso di sciogliere il consiglio comunale della cittadina imperiese. Ecco le immagini con le testimonianze a ‘caldo’ dei politici locali

Bordighera, in arrivo tre commissari. Al voto non quest'anno ma come minimo nel 2012. Possibile ricorso al Tar
Dovranno trascorrere almeno 12 mesi di commissariamento, secondo le norme che disciplinano lo scioglimento dei consigli comunali per infiltrazioni mafiose, prima che Bordighera possa eleggere una nuova amministrazione comunale. In arrivo tre commissari prefettizi. Bosio rimane in carica in Provincia.Continua

L'annuncio a Roma
INFILTRAZIONI MAFIOSE: SCIOLTO IL CONSIGLIO COMUNALE DI BORDIGHERA
Imperia - Il Consiglio dei Ministri ha deciso su proposta del ministro Maroni/ AGGIORNAMENTI ... segue ...

A situazioni come questa alludevo quando facevo altra volta cenno alle nubi sull'orizzonte del Ponente Ligure, dando, in quel caso, per scontato che in linea di massima se ne conoscessero gli antefatti dalla divulgazione già avvenuta da parte di diversi mass-media. Aggiungo che ci sono state iniziative in merito, in loco e a carattere provinciale e che, per quello che conta, a qualcuna di queste sono stato presente. Molto importante, a mio giudizio, quella di gennaio a Bordighera, con intervento anche di Tano Grasso, leader delle Associazioni Antimafia, che ha ben spiegato il modo subdolo con cui la n'drangheta riesce ad insinuarsi in zone apparentemente impermeabili alla malavita organizzata. Ma troppe persone, a cominciare da un noto ex ministro di queste parti, in questo territorio hanno inteso sottovalutare il pericolo, contribuendo anche ad alimentare tanto facile qualunquismo in molti animi semplici.
 
 
 

26 commenti:

☃ ♥gabrybabelle ☃ ha detto...

NON se ne può' più,se continuano cosi finisce a guerra civile!!

marcofreccero ha detto...

Non seguo più i telegiornali, ma il loro silenzio non mi sorprende. La mafia non esiste al nord, è solo un problema del sud. Al massimo c'è qualche piccola infiltrazione, ma piccola, proprio minuscola, e non vale la pena parlarne. Robetta, insomma...

Grazia ha detto...

Sono notizie che fanno male e che dimostrano come ormai nessuno sia indenne

I am ha detto...

Così in alto così in basso, così in piccolo così in grande....
A Bordighera non potevano fare a meno di ...scoprirlo. Il problema è su tutto il territorio nazionale. Questo è triste, veramente triste

Carmen ha detto...

Assente per qualche giorno per una breve vacanza in terra straniera ho appena appreso della notizia. Non mi sorprende, il malaffare è ben più diffuso di quanto non appaia, così come l'assuefazione fra coloro che, in democrazia, dovrebbero partecipare alla vita politica del Paese controllando l'operato di chi li rappresenta ...Purtroppo non percepisco aria di rivoluzione...

web runner ha detto...

Che questo possa succedere anche in certe realtà che ad occhi esterni, e forse poco informati, possono sembrare stabili è la cartina di tornasole della drammatica situazione del "belpaese".

il giardino di enzo ha detto...

Cazpita!

Vitamina ha detto...

Abito in provincia di Arezzo e seguo poco la politica locale, a volte qualcuno mi spiega retroscena che non avrei immaginato e mi sorprendo. Fine a poco tempo fa lavoravo nelle cucine dei ristoranti e mentre tutti chiudevano o facevano fatica , erano in pieno rigoglio solo quelli gestiti da persone della zona di Napoli o calabresi. Non sono di solito razzista, emi censuravo da sola questi pensieri. Pare che sia perchè sono bravi. Ora bravi si può essere solo se 1) si pagano poco le materie prime, cioè si da mangiare robaccia 2) si paga poco il personale 3) si hanno tanti soldi da investire . La cosa fastidiosa è anche che di solito questi "emigranti" italiani formano gruppi compatti e impermeabili , non si "mischiano" e vivono portandosi con sè le regole del basso napoletano o quello che è . Sono gruppi umani organizzati che continuano a fidanzarsi fra di sè , a far coomercio fra sè,a far lavorare i compaesani e i parenti, che di nuovo raggiungono le nuove fruttuose attività in massa , creando , nelle campagne dove l'affitto costa meno , borghi tipo chinatown, non prendono niente del buono del posto dove sono andati a vivere .I sindaci dei paesini sono contenti perchè gira denaro . da dove viene 'sto denaro non importa neanche ai sindaci del PD, basta ci sia , tanto il denaro non puzza, "pecunia non olet" , solo dopo un pò ci si accorge che impercettibilmente , e poi molto percettibilmente , molto è cambiato nel tipo di relazioni che si instaurano . Ahimè !
Non c'è più cieco di chi non vuol vedere . Basta pensare che non c'è più una ditta di operai edili toscani.

Alberto ha detto...

E questa è solo la punta dell'iceberg. Penso alle città e alle cittadine vicine. E più d'uno si era scandalizzato quando Saviano aveva lanciato l'allarme sulla mafia al Nord.

zicin ha detto...

Ciao Adriano,
purtroppo la mafia è subdola e si infiltra un pò dappertutto.
Ha ragione Alberto... questa è solo la punta dell'iceberg e pensare che Maroni si era offeso quando Saviano aveva accennato.

Francesco Zaffuto ha detto...

E' una buona notizia, ma comprendo che sia anche una notizia triste per chi ama il proprio paese.

Ambra dB ha detto...

Sono da un po' latitante per mancanza di tempo. Allora sono passata almeno per un saluto. Buona giornata.

Lara ha detto...

Chissà se esiste qualche città o paese assolutamente immune dalla mafia. Personalmente non riesco più a crederlo.
Ciao Adriano,
Lara

giacy.nta ha detto...

Ho letto, Adriano. Il senso della responsabilità nei confronti di una comunità, questo sconosciuto...
E'positivo , comunque, che qualcosa sia emerso e che desti l'attenzione di qualcuno.
Un caro saluto,
Giacinta

petrolio ha detto...

Da meridionale sono cosciente di quanto sia radicata la mafia a tutti i livelli ad infestare dappertutto in ogni ambiente… ma devo dir la verità, mi infastidisce tantissimo che oggi, nel 2011 ancora si parli di infiltrazione di organizzazioni dal Sud. Secondo me questo è uno dei motivi per cui si diffonde la cultura del razzismo nei confronti degli individui provenienti da altre parti del mondo (estendo il concetto anche alla resistenza nei confronti della gente che emigra e che cerca miglior fortuna altrove) ed è l'ultimo passo verso il baratro della IRRESPONSABILITÀ CIVICA! Se invece si riconoscesse che laddove si verifichi l'intreccio tra malaffare e istituzioni c'è solamente la volontà di lasciare che accada, sarebbe sicuramente un'occasione di cambiamento di mentalità e di situazione in meglio. Scusate, ma oggi dopo aver ascoltato l'intervento di un'eminente voce come quella del governatore della banca d'Italia proprio al proposito, mi sono assolutamente innervosita! :(

Ernest ha detto...

ormai sembra la norma...

zefirina ha detto...

è prprio vero che questo tipo di organizzazione ha ramificazioni dappertutto e anche in mondi insospettabili

Nicolanondoc ha detto...

Ho letto un articolo sulla Stampa di Torino, sono concorde con il commento di Petrolio che condivido in pieno.
Un saluto cordiale

lasettimaonda ha detto...

Ciao Adriano, che dire........la prima espressione che mi esce dal cuore, è AGGHIACCIANTE.Un caro sauto!Syl

achab ha detto...

Ciao Adriano,ho sentito la notizia,ci sono rimasto male,ma alla fine era inevitabile.
Buon week.

Photos, news animals, pets ha detto...

Wish you have a good day

wellcome to blog of me : http://photos-animals-pets.blogspot.com/

Photos-Animals-Pets - puppy pictures - Photos of "cat picture" 2011 - Anime

mark ha detto...

Come hanno accennato altri, l'economia italica è invasa capillarmente da loschi figuri a volte incravattati e dai modi gentili che fanno da paravento ai traffici più efferati. L'economia viene dopata da flussi di capitali sporchi che vengono reinvestiti nella grande lavatrice Italia, non se ne deve esser sorpresi quando esplode qualche bolla. Quando anche altri paesi si accorgeranno di tali sistemi (la nuova forza economica della Germanica giovinezza) daranno credito a quel manipoli di uomini che cercavano di aprire gli occhi a stolti e troppo indaffarati amministratori...o forse compiacenti.
Saluti

Stella ha detto...

Ormai la mafia è dappertutto!
Quando ho sentito la notizia al tg ti ho pensato, Adriano.

Massimo ha detto...

siamo messi male caro Adriano...
invece di andare in meglio, vedo che il degrado e la corruzione dilagano.
ci salveremo mai ? riuscirà mai l'Italia a vincere le mafie? nutro seri dubbi, ma spero di sbagliarmi.
ti auguro un ottimo week end.
ps: mi aspettavo un tuo post al riguardo naturalmente..

Carmine Volpe ha detto...

a sentire il giorali sembra che solo bordighera sia unico comune in italia a infilatrazione mafiosa, non è vero nel senso che è molto più diffusa, anche se lontano oggi in un articolo del corriere della sera si riporta le relaizone che a Milano ci sono e scoperte tra direttori di banca, politici, dirigenti pubblici, certo Milano non è Bordighera ma oramai queste associazione sono presenti dappertutto è un dato di fatto

Alligatore ha detto...

Come sai bene, da lettore appssionato di hard-boiled e letteratura poliziesca, la mafia va a bracetto con gli affari, quindi nessuna sorpesa, l'Italia è unita sotto questo aspetto, da sempre. Ho letto poco, in giro, su questo caso. Hai fatto bene ad evidenziarlo.