Pagine

lunedì 12 dicembre 2011

Paesaggi, non solo del Ponente Ligure, di William Brockendon

Avendo ben presente questa vista - fruibile tra l'altro su diversi siti locali - di Bordighera da Capo Nero di Sanremo, da un'incisione in acciaio del 1829, sulla base di un disegno di William Brockendon, ho provato a cercare sul Web altri soggetti di questo pittore riferiti al Ponente Ligure. Ma non ho trovato molto.

Questa veduta delle piane di Bordighera e di Vallecrosia con, sullo sfondo, la Ventimiglia dell'epoca viene attribuita a William Brockendon.

Anche il dipinto che raffigura Mortola di Ventimiglia, che domina l'area dei futuri Giardini Hanbury, dovrebbe essere dello stesso artista.

Una curiosità: i cani in queste opere stanno a ricordare che si viaggiava accompagnati da questi animali per poter eventualmente fronteggiare bestie feroci allora ancora presenti in discreto numero; dopo di che poteva capitare che un cane del posto, di sicuro selvatico, se non rabbioso, assalisse, come si vede nella seconda immagine, un lavorante.

Cogoleto é di sicuro di William Brockendon.

Anche le opere che seguono, di cui si noterà subito la migliore qualità di riproduzione, sono sicuramente di William Brockendon. Qui, la Val Angrogna di Val Pellice.

Non riporto i nomi, del resto forse visibili sulle stampe in questione, delle altre località, comunque vicine alla Val Pellice.
In sostanza, dato che per questa zona non ho trovato altri risultati delle fatiche di William Brockendon (Totnes, 13 ottobre 1787 - Bloomsbury, 29 agosto 1854: fu anche scrittore e inventore e conobbe Cavour), affascinato dal suo estro ho allargato alquanto il discorso iniziale.


37 commenti:

Alligatore ha detto...

Che bellezza per gli occhi. Grazie Adrian.

Sileno ha detto...

Stampe stupende che hanno il fascino di un passato da vivere come un'avventura.

Stefania ha detto...

Un pittore dalle eccelse qualità! una dolcezza per gli occhi, quasi fiamminga! Sono dipinti bellissimi! un gioco prospettico perfetto tra spazialità, armonia e dettaglio! grazie di averle condivise con noi!

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Adriano invece hai trovato degli ottimi lavori. Un post che affascina, complimenti

giardigno65 ha detto...

a vederlo ora il ponente ligure ...

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Ottima tecnica da questo pittore.

enri ha detto...

Complimenti per la tua interessante ricerca, hai trovato opere molto belle.
buona giornata
enrico

zefirina ha detto...

ma dove le trovi tutte queste bellezze???
incantevoli davvero

Zio Scriba ha detto...

Hai fatto bene ad allargare il discorso: sempre piacevole e interessante passare di qui.
Un caro saluto.

Enly ha detto...

Paesaggi davvero spettacolari..

Tomaso ha detto...

Caro Adriano eccomi che provo se riesco prendere ciò che ho perso. belli questi vecchi dipinti, una vera carrellata di storia e di questa tu sei un grande! Buona giornata amico.
Tomaso

Ernest ha detto...

davvero belli.

Ambra ha detto...

Un nome che mi era sconosciuto e devo dire che mi sembrano proprio tutti dello stesso artista questi dipinti, si riconosce la mano delicata e forte al tempo stesso.
Curiosa la storia dei cani, anche questo particolare non lo conoscevo oppure l'avevo dimenticato.

Tina ha detto...

Trovo la prima spettacolare, non che le altre non la siano, ma la prima ha un che di "quasi bucolico", fa il paio con la seconda dove però il carro non trasporta viaggiatori, ma il sudore di chi si becca pure i denti del cane.

Buona serata Adriano ;-))

Strega Bugiarda ha detto...

Adriano ero venuta a trovarti prima della partenza per farti gli auguri... ed ho trovato questo post che è un vero regalo per gli occhi e lo spirito.
Non avevo conoscenza di questo pittore, che trovo molto gradevole..
Un sorriso in cammino
La streghetta

achab ha detto...

Ciao Adriano,bellissime opere,buona serata.

tiziano ha detto...

Delle stupende opere eseguite con maestria da questo bravo artista che non conoscevo,
complimenti Adriano per le tue continue ricerche,
sul passato,
ciao buona serata.

Tiziano.

Elio ha detto...

Ciao Adriano, i tuoi post sono uno più interessante dell'altro e mi sono letto tutti quelli che non avevo ancora visto. Sai che anch'io, da bambino, aspettavo un treno alla stazione che riportasse mio padre? Lavorava nei vagoni ristorante della Wagon Lits Cook ed ogni tanto andavo ad accoglierlo a Santa Lucia, la stazione di Venezia.
Per quanto riguarda le opere di questo post le trovo assolutamente magnifiche e ti ringrazio per avermele fatte conoscere.
Puoi venire da me quando vuoi, ma non perderti il post del 19/12 che sarà speciale. Buonanotte.

Massimo ha detto...

splendido post caro Adriano,
passavo a salutarti e vedo che vai alla grande ! un caro saluto professore, ciao

Grazia ha detto...

Non conoscevo né pittore, né stampe.Mi è venuta una gran voglia di approfondire, non appena tornerò in Italia. Grazie

Gianna ha detto...

Opere davvero belle e significative.

petrolio-muso ha detto...

ma perché il grigio di questi dipinti mi dà così tanta pace? :/

Chris ha detto...

Che belle le stampe, onestamente non conoscevo l'artista e sono molto belle. A volte i panorami con il tempo variano soprattutto per mano dell'uomo ma a volte l'uomo non arriva e le bellezze appaiono sempre uguali, solo noi invecchiamo.

Tiziana Bergantin ha detto...

... beh, scrittore, inventore e amante della Liguria si potrebbe dire. Un saluto caro Adriano

nouvelles couleurs - vienna atelier ha detto...

bellissimi

Sandra M. ha detto...

Che belle immagini, Adriano, così delicate e quasi monocromatiche. Soprattutto la prima...mi piace moltissimo.

Guard. del Faro ha detto...

Delle immagini delicate ed allo stesso tempo pregnanti e di grande forza espressiva.
Un salutone, amico.

riri ha detto...

Belle immagini ricercate e leggere. Un caro saluto.

Stefano ha detto...

Le stampe antiche sono la mia passione! Complimenti per il bellissimo post. Ciao
Stefano di Semplici Conversazioni

Rita Baccaro ha detto...

paesaggi così incantevoli non potevano non ispirare degli artisti.
Per fortuna che ora non va a piedi, io avrei una paura dei cani randagi rabbiosi!!
ciao e a presto

P & M ha detto...

Devi proprio amare queste terre... ne parli con un passione quasi uguale alla mia che parlo di viaggi!!! Se mai un giorno mi capita di venire da quelle parti ti adotto come guida turistica!!!

giacy.nta ha detto...

Le incisioni romantiche sono autentiche calamite. Bellissime le rupi e la bruma sottile che tutto avvolge.
Buona serata, carissimo.

Sara ha detto...

Raffinatissimo Adriano!

silviomini ha detto...

I quadri sono molto belli, è vero. Inizio un po' a dubitare però del romanticismo. Ha un po' appiattito la rappresentazione del mondo. Alla fine i quadri di quel periodo che ritraggono il mio appennino o la campagna australiana sono troppo simili a quelli che tu riporti qui. Insomma hanno quel tratto di paesaggistico e bucolico che li amalgama tra loro in maniera forse un po' eccessiva.

La fonte di queste considerazioni deve essere la recente overdose di arte contemporanea fatta a Venezia ;-)

Adriano Maini ha detto...

Ringrazio tutti per le puntuali osservazioni!

Pupottina ha detto...

stupendo il vecchio aspetto del ponente ligure nei quadri di questo pittore che non conoscevo e le cui rappresentazioni hanno dei colori molto piacevoli e da ammirare

CRISTINA BERARDI ha detto...

Che bella raccolta!
a presto :=)
Grazie Adriano