Pagine

mercoledì 21 novembre 2012

Una certa idea di Camporosso


Fotografie appena viste su Facebook mi hanno fatto venire in mente un discorso leggero su Camporosso, vasto comune che chiude a levante sul mare la Val Nervia, dopo averne occupato un considerevole tratto terminale. E sul suo centro storico in particolare.


Qui sopra una parte del lato di ponente della Palazzina Municipale, costruzione ben restaurata, ma antica.


E qui l'altra coté, che si affaccia sulla piazza centrale del paese.

In questa occasione sto - faccio per dire! - più sul moderno. Rimando la pubblicazione di immagini dei fascinosi caruggi, della Chiesa di S. Marco, dell'Oratorio (che un po', tuttavia, si intravvede). 

D'altronde su Camporosso e sulla sua storia qualcosa avevo già postato.


Questo angolo mi riporta, invece, alla prima volta in cui, forse, ho messo piede in Camporosso. Come mi ha confermato un vecchio amico d'infanzia, che mi ha reso poco tempo fa', parlandone, convinto del fatto che in quel caso non avevamo proseguito per Dolceacqua. A me, comunque, resta impresso il ricordo di un porcospino, animaletto che mi desta tenerezza da allora, ben prima della lettura del racconto di Antonio Gramsci: forse faccio confusione, perché tra gli scatti di famiglia ne rammento con tristezza uno che ritrae una povera volpe legata ad una catena.


Non era una cantina (quella, piuttosto, nelle mie frequentazioni era a Latte di Ventimiglia), perché ricordo delle scale da salire, ma accanto a quella chiesa, oggi ben tenuta, c'era (magari é rimasto, ma ormai sono ben più out di allora!) il classico - dell'epoca - ritrovo privato, rimediato alla bell'e meglio, per ballare tra amici, molto conosciuto, credo, non solo nella vallata. Si festeggiò là, ad esempio, la fine della nostra frequenza al Liceo. E qualcuno si ingegnò, pure, a tenere impegnata in una parodia dell'arte di Tersicore una certa terribile professoressa. Non é che mi piacessero tanto le danze, tuttavia... ora come ora, che conosco meglio le canzoni di Battisti, siccome ero già un tipo curioso, mi tornano in mente tante cose... altrui nient'affatto di fantasia.



26 commenti:

Armando Manrique Cerrato ha detto...

Bella passegiata come tutte le tue. Grazie amico Adriano!

Grazia ha detto...

Un bel giro di ballo tra i tuoi luoghi e i tuoi ricordi.

Tomaso ha detto...

Caro Adriano vedo che sei sceso in basso sulla bella costa della Liguria del levante, bellissime queste foto delle 5 terre.
Ciao e buon pomeriggio caro amico.
Tomaso

giacy.nta ha detto...

ah, queste prof!:))

Ernest ha detto...

ogni volta che passo di qua mi viene voglia di viaggiare!

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Un passeggiata per le vie assaporando i tuoi dolci e colorati ricordi...grazie Adriano!

nella ha detto...

Sai Adriano che non ricordo di aver mai visitato Camporosso? O si? Chissà...
Dopo le tue foto mi riprometto di farlo....e conoscere il tuo luogo preferito per le danze!
Bacio!

Tiziano ha detto...

Ciao Adriano Belle le foto ma i tuoi riccordi ancor di più!

Ambra ha detto...

Leggere il tuo post vuol dire penetrare in un mondo affascinante e purtroppo passato. Ma sono rievocazioni, le tue, che lasciano il segno e colmano di emozioni.

Alligatore ha detto...

Grande Adriano, sempre capace di dire cose profonde con leggerezza.

mr.Hyde ha detto...

Sono proprio graziosi i centri storici dei paesetti in Liguria. Puliti, ben tenuti..Ne ho visitati diversi.Son belli questi post di immagini e ricordi..

Enrico Bo ha detto...

Accidenti quelle favolose cantine buie dove noi...

riri ha detto...

Posti bellissimi, foto che mi ricordano quel lato della Liguria bello e quasi selvaggio.
ps. vuoi ballare?:) Pare non si usi più, ma era bello sentirselo chiedere, dal canto mio ballavo "quasi" con tutti:-) Un abbraccio e..bellissimi ricordi!

Pupottina ha detto...

è bello ballare anche nei ricordi... i luoghi cambiano e a volte è bello ricordarli per le emozioni che ci hanno lasciato ^____^

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Una visita non sarebbe male.
Salutoni a presto.

Guard. del Faro ha detto...

Ciao Adriano,
è molto che manco dal web ma, appena ho potuto, ho fatto un salto sin qui, per lasciarti un saluto.
Sempre belli e circostanziati i tuoi post, c'è da imparare.


CuorediSedano ha detto...

Un bel centro!

Nicolanondoc ha detto...

Caro Adriano, le foto sono belle, ma mi hai fatto venire in mente ricordi antichi. Un abbraccio.

Zio Scriba ha detto...

Ogni volta riesci a rendermi un po' più Ligure, caro Adriano.
Ma domani riesci a venirci, a Genova?
(Ti ricordo, presentazione alla libreria BOOKSIN, Vico del Fieno vicino a piazza De Ferrari, a seguire cena al ristorante... comunicare adesione al Grande Marziano... :D)

Adriano Maini ha detto...

@Zio Scriba: ti ho fatto via email le mie scuse per la mia assenza! Ancora, in bocca al lupo!

Gabry ha detto...

Con i tuoi post ci accompagni sempre tra luoghi di un tempo e recenti il tutto condito da mille ricordi.

Un salutone Adriano!

il monticiano ha detto...

Ed ora Signore e Signori ecco a voi un vero danseur che riesce a far ballare persino la sua Professoressa.

Sileno ha detto...

Mi hai fatto riaffiorare i ricordi di un soggiorno a Monterosso.
Grazie

Arianna ha detto...

Ha dei bei colori questo borgo...ciao, Arianna!

agnese ha detto...

Come si animano i luoghi quando c'è qualcuno a riempirli di ricordi, sensazioni e vita vissuta!

ombreflessuose ha detto...

Non vengo spesso, ma quando arrivo
di nuovo a sostare da te, un'aria
fine, profumata di bei ricordi mi riempie il cuore.
Grazie davvero, caro Adriano
Un abbraccio
Mistral