Pagine

venerdì 15 giugno 2012

Sfogliando qualche vecchio "Albo dell'Intrepido"


Non credo, visto che é riportata sulla copertina, che sia necessario trascriva la data di questo "Albo dell'Intrepido".


Il medesimo nella quarta riporta esempi di comicità dell'epoca. Di "Pedrito El Drito" ho trovato qualche tempo fa una sorta di antologia in ristampa anastatica. "Arturo e Zoe" comparivano negli anni '50 anche su "Il Monello". Forse - ma la mia memoria in merito difetta - queste vignette, ed altre dello stesso tenore - penso a "Tarzanetto" - si alternavano anche sul fumetto gemello più famoso, "intrepido", cui altre volte ho fatto cenno.


Riporto a titolo di esempio qualche illustrazione di un'avventura nei Caraibi, comparsa nel numero del 14 aprile 1953 del periodico in questione.

Ho parlato più volte di fumetti, sostanzialmente di quel periodo, che coincide con la mia infanzia. Specie di "intrepido", come ricordavo prima. Qui un esempio. Mi arrivano in proposito ancora commenti, a volte via email. L'argomento, dunque, interessa. Personalmente, mi capita di riscontrarlo anche in conversazioni con amici e conoscenti.



Da ultimo, come possono attestare le immagini da me selezionate in "Albo dell'Intrepido" del 9 luglio 1963, la rivista, arricchendosi oltrettutto - al pari di "intrepido" e "Il Monello" - di altre rubriche, aveva abbandonato il criterio dell'avventura, iniziata e conclusa nel singolo numero. Giova anche ricordare che l'uso del colore era l'eccezione e non la regola.

Anche l'"Albo dell'Intrepido" faceva parte di quella schiera di fumetti anni '50, che rimandano alla storia del costume, per via dei contenuti interessanti e spesso di rilievo informativo, nonché dei bei disegni, ma anche perché per tante famiglie rappresentavano un costo non sostenibile, per altre fattori diseducativi. Ne conseguiva, del resto, la diffusa pratica di prestiti e scambi, tutti aspetti, insieme ad altri, che talora tornano alla memoria di chi ha vissuto quei periodi.





24 commenti:

mr.Hyde ha detto...

Che bel post!.. l'Intrepido e il Monello li ricordo benissimo..Un mio zio ne aveva una nutrita raccolta.

Tomaso ha detto...

caro Adriano hai risvegliato in me quella mania di correre per prendere il nuovo intrepido! erano altri tempi cara amico un abbraccio.
Tomaso

Grazia ha detto...

Anch'io li ho scambiati. Ero una delle poche " femmine" , come si diceva allora a scuola, che li leggeva e mi ha procurato una delle più grandi amicizie della mia adolescenza. Ricordali con te mi fa un grande piacere.

Pupottina ha detto...

^____________^

questo è un cult, un fumetto che ha segnato la storia del fumetto.

dovrebbero ripubblicarli

theyogi ha detto...

coi fumetti non si sbaglia mai: in un momento ci portano altrove, nello spazio e nel tempo....

Ernest ha detto...

che bel salto nel passato

strega bugiarda ha detto...

Mi sento mancante di un pezzo di vita, purtroppo non ho mai letto un fumetto, neanche emulando mio fratello,che comprava classici di avventure e fantasia,e crescendo leggevo i suoi libri.
peccato un altro treno su cui non sono salita.
Un sorriso

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Grande storia dei fumetti.

❀~ Simo ♥~ ha detto...

A mio papà piaceva il mitico Tex
Ciao Adriano e a presto con altri ricordi....

il monticiano ha detto...

Ma dove sarà finito il mio primo commento?
Cerco di riscriverlo.
Da metà degli anni trenta fiorirono tanti "fumetti", oltre che Intrepido anche Mandrake, se non sbaglio Ciro e Franco ecc, però io non ero granché appassionato.

zefirina ha detto...

bellissimo questo post, mi ha ricordato un libro che ho letto di umberto eco la misteriosa fiamma della regina Loana, dove si parla molto anche di vecchi fumetti

Ambra ha detto...

aA 11 - 12 anni l'Intrepido mi ha fatto sognare.

Tina ha detto...

Mi pare di averti scritto che sono arrivata in prima elementare sapendo leggere e scrivere...avevo imparato da questi fumetti che a periodi alterni illustri, mio fratello ha una raccolta che parte dagli anni 50 e su, su a salire, potrei elencare le striscie di Hondo, Capitan Miki, il Grande Black...Tex Willer...

Notte buona Adriano ;-))

Carlo ha detto...

Tra le mie mani, giravano a volte quelli di seconda mano. Ero tra coloro, tuttavia, a cui i fumetti erano raccontati come diseducativi e, pertanto, non visti di buon occhio in casa. Guarda tu che invece, oggi e da adulti, ci ritroviamo a rivalutarne il valore ed i loro contenuti.

Ciao Adriano e buon fine settimana.

riri ha detto...

Caro Adriano, forse te lo avevo detto: l'intrepido ha accompagnato la mia infanzia, mettevo i soldi da parte per comprarlo, una delizia la lettura! a tua descrizione mi rapisce, tornerò a rileggerla!!
Un abbraccio e..ci vediamo al mare.

Carla, i colori...pensieri della mia mente. ha detto...

quanti ricordi! Da te si diventa quasi ...dico quasi...giovani :-)
ciaooo

enrico ha detto...

accidenti come li bramavo, ma hai ragione in casa mia erano diseducativi!

Alligatore ha detto...

Sei magggico Adriano ... ne sento il profumo di quelle pagine.

berenice ha detto...

Leggo le strisce del 9 luglio 1963...sono nata due giorni dopo!

Gente Comune ha detto...

Un bel salto indietro nel tempo che per noi che non c'eravamo è fame di cultura.
Paolo

Elio ha detto...

Ho già avuto modo di dirti che l'Intrepido era uno dei miei album preferiti, ma ora aggiungerei anche Il Monello. Nel 52 avevo 10 anni e tu mi fai ritornare giovane. Quante avventure con Pedrito, Arturo e Zoe, ecc. ecc. Grazie Adriano per questi post su fumetti che, forse, ancora oggi potrebbero interessare i giovanissimi. Un caro saluto.

ombreflessuose ha detto...

Dovrei chiamare mio zio a leggere
questo post, lui come altri della sua generazione conserva gelosamente gli albi dell'Intrepido, Monello, Capitan Miki, Il grande Blak, il Piccolo Sceriffo etcc...
Io di tanto in tanto m'affaccio nella sua cantina e rimango affascinata
Grazie Adriano, sei prezioso...
Baci
Mistral

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Buongiorno Adriano, ho ammirato le tue foto in fb ....splendide! Buona giornata!

riri ha detto...

Sono tornata a rileggere il tuo bel post..un abbraccio Adriano.