Pagine

venerdì 21 settembre 2012

Carte geografiche italiane a cavallo del 1800



Ho rinvenuto questa carta del Regno di Sardegna del 1794, oggi dell'Istituto Geografico Militare, mentre facevo un'esplorazione su Internet, dovuta al fatto che, riguardando stampe di inizio 1800, presenti su questo sito nizzardo cui ho già attinto altre volte, ho notato meglio che talora vengono indicate opere o di geografi italiani o riguardanti altre parti del nostro paese, come la "Coreografia d'Italia" di Attilio Zuccagni-Orlandini. Difficile, tuttavia, trovare sul Web altre icone così pregevoli. Probabile che chi le colleziona se le tenga ben strette anche nella forma digitale.


Questa una mappa dal lavoro di Attilio Zuccagni-Orlandini.



Per associazione di idee mi é tornata in mente l'imponente opera di storia e di geografia del Conte Alberto La Marmora, uno dei quattro fratelli generali, realizzata quando era stato mandato in punizione in Sardegna. Qui sopra, ripresa da qui, una carta da lui realizzata.

In effetti, nella prima metà del 1800 in Italia non si pubblicavano solo libri su lontane nazioni, come ho già più volte accennato, ad esempio qui. Argomenti che ho ripreso da Cultura Barocca. Alla quale potrei sempre tornare per ulteriori spunti su come veniva studiata e presentata la geografia italiana in quel periodo: a questo link un piccolo saggio. 


14 commenti:

Fullina ha detto...

Caro Adriano sei un portento, con te non si finisce mai di apprendere qualcosa di nuovo e interessante.
Saluti :)

mr.Hyde ha detto...

Sono dei lavori eccezionali.Specie la carta della Sardegna in cui si legge l' orografia cosi distintamente da sembrare una vista satellitare..
Vedere dal vivo una carta del genere deve essere emozionante!

Tomaso ha detto...

Cara Adriano entrando qui è come entrare in una grande biblioteca di stato nulla a te sfugge...
Grazie amico sei grande.
Tomaso

Pupottina ha detto...

ciao Adriano
anche stavolta una portentosa scoperta. il tempo rischia di far perdere questi tesori della cultura

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Adriano, sei un abile navigatore!

Grazia ha detto...

Stupende queste carte! Ha ragione chi dice che qui da te non si finisce mai di imparare.

Tiziano ha detto...

Ciao Adriano carte stupende,
i tuoi post sono una bilbioteca
infinita.

Ambra ha detto...

Affascinanti queste carte. Evocano una concezione geografica del territorio molto diversa da quella attuale.

Il Ballo dei Flamenchi ha detto...

La Sardegna così non l'avevo mai vista, troppo bella! Ottimo lavoro, il popolo Internet, con io portavoce, ringrazia

Gianna ha detto...

Carte da collezionisti, senza ombra di dubbio.

Enrico zio ha detto...

Oggi con i satelliti è tutto facile, la carta della Sardegna è incredibile se consideriamo i mezzi dell'epoca.
Ciao buon fine settimana
enrico

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Buona domenica Adriano! oggi dove ci porti?

ombreflessuose ha detto...

Ciao Adriano un satellite (il progresso) non può e non potrà mai competere con la "mano" dell'Uomo.
Sei grande
Baci
Mistral

Enrico zio ha detto...

Adriano, se lo vuoi, c'è un premio da me.
Ciao buona giornata
enrico