Pagine

domenica 22 agosto 2010

La zona di Latte

La zona di Latte, di cui nella foto si vede un ampio scorcio panoramico, corrisponde, all'interno del territorio comunale di Ventimiglia, all'estremo lembo ligure, prospiciente il mare, verso la Francia. Non entro nella descrizione, almeno questa volta, delle varie frazioni (Latte, appunto; ma anche Mortola - Superiore ed Inferiore -, sede dei magnifici Giardini Hanbury; Grimaldi - anch'essa divisa in Superiore ed Inferiore -; altre) e delle varie borgate e case sparse che costellano l'unica piana colà esistente e le varie alture che accompagnano alle incombenti Alpi Marittime, per accennare almeno, invece, a  storie di uomini veri.

Ho avuto l'onore di conoscere uomini che hanno fatto la Resistenza e che in quella zona avevano già aiutato tanti ebrei e tanti altri perseguitati a fuggire verso l'allora ospitale Francia, uomini che hanno continuato, senza reclamare onori (a volte, invece, usurpati da altri) a guadagnarsi il pane con la dura fatica del lavoro manuale, in genere quella della diffusa, sino a poco tempo fa', coltivazione dei fiori.

Avevo già in mente di scrivere questi appunti, quando ho ricevuto ulteriore conferma a farlo dalla lettura di una recensione di un libro che narra di un esule (negli anni '30), espatriato clandestinamente in Francia per motivi di lavoro e di antifascismo. L'articolo in questione contiene parole molto belle sia per sottolineare il dramma dei viaggi clandestini di ieri e di oggi, sia per invogliare il lettore a leggere quel libro. E' molto probabile che quella fuga sia avvenuta da queste parti: in ogni caso rinvengo un collegamento ideale con le scarne note che sto tracciando.

Va da sé che, nella storia delle frontiere, compresa la nostra, non si sono solo cimentati eroi, che hanno ritenuto semplicemente di compiere il loro dovere di uomini, ma anche contrabbandieri e veri e propri farabutti.
Pubblico, invece, la foto che si é appena vista (della cui scarsa qualità sono consapevole) solo per dare una pallida idea, dato che l'inquadratura é a livello mare, di un orrido (e, forse, la parte terminale non é questa, ce ne sono altri) denominato "Passo della Morte". Era chiuso in alto dal sentiero preferito, più prossimo al mare, per espatri clandestini e contrabbando. I racconti, specie quelli tramandati a viva voce, ci parlano di tanti incidenti fatali, anche di persone avviatesi da sole nell'ignoto e di persone indirizzate, ma non accompagnate da delinquenti che avevano intascato comunque ancor più indegna mercede. E la tragica denominazione é rimasta e forse a marchiare più punti di passaggio di quelle colline rocciose a picco sulla sottostante stretta fascia litoranea. Altre storie di delinquenza sul traffico di clandestini extra-comunitari andarono poi molto più tardi a concretarsi, e probabilmente tuttora sporadicamente continuano, con l'utilizzo dell'Autostrada dei Fiori.

Alcuni validi scrittori di questa terra hanno raccontato in belle pagine anche quelle tragedie. Nella presente occasione, voglio accennare almeno a Nico Orengo, delle cui opere invito alla lettura. Ne "La curva del Latte" emergono alcuni personaggi di cui ho detto in premessa, riconoscibili, stante la trasfigurazione letteraria, solo a chi ha vissuto intensamente da queste parti ed altri ancora, deceduti prematuramente, così come altre situazioni, altre memorie storiche, il dopoguerra, la bellezza della natura e del paesaggio. L'incanto é tutto nelle vicende narrate con grande maestria dall'autore. Nico Orengo - mi pare giusto sottolinearlo - é stato impegnato nella vita reale, e non solo con la testimonianza resa dalle sue opere, a difendere tanti luoghi belli di questa zona, la Piana di Latte, soprattutto, dall'assalto del cemento. Credo non sempre ci sia riuscito. Io ho il rammarico, nonostante i tanti amici in comune, di non averlo mai potuto conoscere di persona. Ed ormai é poco più di un anno che ci ha lasciati. Questo scrittore ci ha narrato in altri romanzi ed in altre opere altre trame di grande respiro, che hanno anche spaziato in tutto il Ponente Ligure, in Piemonte, in Francia. Difficilmente, tuttavia, se l'ambientazione non era in toto nella zona di Latte, ne trascurava almeno un accenno. Come nel caso di un agile librettino che ci porta con commossa partecipazione dalla Provenza degli impressionisti a posti magici che non ci sono più, con l'inserimento di ritratti di attori americani, passati dalla Riviera e che giustamente sono rimasti nell'animo popolare, e di tante altre belle storie: "Gli spiccioli di Montale".
Nella foto, corrispondente alla parte occidentale della Piana di Latte, l'ultima casa a destra vede il dialogo di esordio de "Gli spiccioli di Montale", o, meglio vedeva, perché, anche se non sono un tecnico, credo che per fare posto all'attuale edificio si sia proceduto alla preventiva demolizione (e non alla semplice ristrutturazione) di quella che in origine era una villa del 1500. Lascio amaramente il tutto senza commenti e senza riferimenti a sfratti e mire immobiliari compiuti dalla pregressa proprietà, la cui identità svelata si presterebbe a molteplici sarcastiche considerazioni.

Avviandomi al termine, mi rendo conto che gli appunti mi sono un po' scappati di mano. E', forse, il fascino di questa zona, derivante anche da tanti uomini che l'hanno vissuta. Mi auguro, pertanto, che ci siano nuovi innamoramenti del Ponente Ligure (anche per contribuire ad evitare nuovi scempi!) e tanti nuovi lettori di Nico Orengo e di altri scrittori liguri.


13 commenti:

novalis ha detto...

Per non dimenticare.
Grazie Adriano

giacynta ha detto...

Che dirti... Un piacevolissimo invito alla lettura di Nico Orengo che inizierò a conoscere per tua esclusiva responsabilità.
Buona domenica anche a te!

Sandra Maccaferri ha detto...

Peccato si sia spenta la voce di Orengo. Di lui ricordo molto bene le filastrocche e le poesie che piacevano tanto ai miei alunni. Non conoscevo tutto il resto che descrivi qui.
Ciao e buona domenica, per quel che ne resta

Adriano Maini ha detto...

@novalis: Grazie a te. See you later!

@giacynta: Una responsabiltà che assumo volentieri! Un abbraccio!

gturs ha detto...

Di Nico Orengo ho letto pochissimo, dopo questo tuo post mi riprometto di leggere quello da te menzionato. Ciao Adriano. Roberta.

Adriano Maini ha detto...

@Sandra Maccaferri: Concordo con te! Grazie per la tua attenzione! Su Orengo mi viene allora da aggiungere (ma non sono un critico!) che sapeva coniugare al meglio pagine improntate a robusto realismo con altre soffuse di delicato romanticismo, accompagnando il lettore, cui donava di tanto in tanto lampi di incantata magia, per ignoti ed impervi sentieri, per lo più corrispondenti (nella mia trasandata metafora) ai luoghi del Ponente Ligure. Un caro saluto!

@gturs: Grazie, Roberta! Credo che da ligure, e penso io possa permettermi di aggiungere "quale ligure!", ti ritroverai al meglio in tante belle storie di Orengo, non ultime quelle largamente ambientate o, comunque, riferite ad Isolabona. Salutissimi!

Luz ha detto...

Grazie per questo post delicato, interessante e così ben costruito da farti venire la voglia di visitare tutti quei mille piccoli posti della nostra terra che non conosciamo affatto. Lo scrittore genovese, conosciuto tramite Loris -altro blogger!- è Bruno Morchio, che tratteggia con efficacia la splendida terra ligure.
A presto.

Adriano Maini ha detto...

@luz: Grazie a te, soprattutto per la frase "... mille piccoli posti ..." molto efficace e vera, da me perfettamente condivisa. Di Bruno Morchio e del suo Bacci Pagano cercherò di dire qualcosa quando tornerò a parlare di Genova, anche se non é facile rendere la magia di Sarzano. Un caro saluto!

cristina ha detto...

Un altro bel racconto che ci illustra la bellezza e la storia di questi luoghi attraverso una scrittura delicata e fluida. io ricordo labellissima voce di Nico Orengo che ascoltavo alla radio da ragazzina,davvero un bel ricordo.

Ciao Adriano, buona serata
Cri

Adriano Maini ha detto...

@cristina: Sono particolarmente soddisfatto che ti sia piaciuta anche questa storia e ti ringrazio vivamente per il tuo personale ricordo di Nico Orengo, che hai arrecato con parole dolci ed efficaci, una testimonianza, invero,a me ancora più gradita perché a suo tempo mi era sfuggita quella voce alla radio. Buona serata anche a te!

marco de carolis ha detto...

bello...mi manca nico...

giacy.nta ha detto...

Sono a metà de " La curva del Latte"... Sto letteralmente divorando il libro. Magnifico. Ti ringrazio per avermi invogliato con questo tuo post a leggere Nico Orengo. :-)

Adriano Maini ha detto...

@giacy.nta: come puoi ben immaginare, la cosa mi fa molto piacere! Personalmente, poi, credo di riconoscere gran parte delle persone reali che l' autore ha proposto nel romanzo ...